20 luglio 2012 - novenoved

Horror a Green Hill: nei congelatori quasi cento cuccioli di Beagle senza vita

Purtroppo la gioia per il sequestro dell’allevamento Green Hill è durata davvero poco. Come avevano denunciato a gran voce gli attivisti del “Coordinamento fermare Green Hill”, oggi gli uomini del Corpo Forestale si sono trovati davanti agli occhi scene da film horror: quasi un centinaio di cuccioli di Beagle morti, impalati l’uno accanto all’altro, ritrovati congelati in varie celle.

Ora anche questi corpi, come tutta l’azienda, sono stati posti sotto sequestro e verranno sottoposti ad una serie di accertamenti per verificare la causa della loro morte. Adesso le tre persone sotto accusa (l’amministratore unico Ghislaine Rondot, il direttore dell’allevamento e il veterinario responsabile dell’azienda) rischiano di essere indagate anche per “uccisione di animali senza un reale motivo“.

Green Hill Cani Uccisi

Fino al giorno del sequestro della struttura, l’amministratore Ghislaine Rondot (residente a Lione) ha sempre respinto ogni accusa, proclamando il suo amore verso gli animali: “Dicono di noi cose terribili, l’informazione è distorta. Perché a Green Hill dobbiamo avere la fama di assassini quando nulla di ciò che si crede è vero? Rispettiamo la legge. Io non sono un mostro. Io amo gli animali. Non potrei stare senza i miei pastori tedeschi, le mie tartarughe e il mio gatto che mi dorme addosso. Fare quel che faccio non è un piacere, che cosa crede? Ma sono una biologa, e so che il mio lavoro è necessario alla salute umana”. La Rondot continuava poi commentando le voci che parlavano di test sui cani per i prodotti cosmetici e commentando anche le immagini di Striscia la Notizia: “Tutte bugie. Lo era pure il filmato di Striscia la notizia con i cani squartati. Immagini di autopsie per accertare le ragioni dei decessi.”

Green Hill Lager

Purtroppo per loro però, sui circa 2500 Beagle presenti in azienda, ben il 18% non aveva microchip di riconoscimento previsto dalla legge al momento della nascita. quindi la domanda sorge spontanea: “Che fine facevano i cani non microchippati e quindi non presenti in alcun registro? Sicuro che non venivano venduti clandestinamente alle aziende cosmetiche?

 

I video di Edoardo Stoppa su Green Hill

Green Hill E.Stoppa

28 Ottobre 2011 – Green Hill

05 Novembre 2011 – Il Ministro Brambilla parla di Green Hill

08 Novembre 2011 – Ritorno a Green Hill

16 Novembre 2011 – Green Hill, il sopralluogo dell\’ex Ministra

24 Novembre 2011Allevamento Green Hill, continuano le proteste

30 Novembre 2011 – Green Hill, buone nuove all\’orizzonte?

05 Dicembre 2011 – Petizione popolare per chiudere Green Hill

19 Dicembre 2011 – Green Hill, il caso del canile lager portato in Europa

16 Gennaio 2012 –  La mobilitazione dei cittadini per la chiusura di Green Hill

23 Marzo 2012 – Green Hill, ore decisive

07 Maggio 2012 – Sperimentazione animale e vivisezione

19 Luglio 2012 – Stoppa racconta la battaglia