18 marzo 2020 - GaiaEleonora Mazzariol

Quindicimila tartarughe depongono contemporaneamente in India

Con grande gioia degli amanti delle tartarughe marine e dei ricercatori, sabato scorso ha avuto inizio il tanto atteso fenomeno della nidificazione di massa delle Lepidochelys olivacea, sulle tranquille spiagge del “Gahirmatha Marine Wildlife Sanctuary” di Odisha in India.

«Circa 15.000 esemplari sono approdati a riva per deporre nelle isole Nasi I e Nasi II all’interno del Bhitarkanika National Park, dando vita al magnifico fenomeno chiamato “Arribada”» ha riferito Bikash Ranjan Dash, ufficiale forestale del Parco.

L’anno scorso circa 470 mila tartarughe marine nidificarono in questa zona dal 26 febbraio al 7 marzo, mentre quest’anno il fenomeno ha avuto inizio più tardi a causa di piogge premature e maltempo. Questa piccola striscia di isole offre un luogo ideale per la deposizione delle Lepidochelys olivacea, grazie all’assenza di predatori e di strutture abitative.

Fino al 31 maggio, in tutta l’area del santuario marino è stato imposto il divieto di pesca al fine di proteggere le future mamme e gli hatchlings che nasceranno. Saranno impegnati una trentina di funzionari forestali, che avranno il compito di sorvegliare il mare e la spiaggia affinchè nessuno disturbi le tartarughe e le uova.