Home » News

Due isole per la salvaguardia della “Graptemys geographica”

Inserito da il 27 maggio 2017 – 00:20   
Due isole per la salvaguardia della “Graptemys geographica”

Il Dipartimento per la Conservazione del Territorio Naturale Canadese (NCC) ha ottenuto, grazie a donazioni pubbliche, due isole che ospitano una grande varietà di specie a rischio.

L’Ile Hébert è una bellissima isola sulla quale i precedenti proprietari volevano costruire la loro casa dei sogni, ma è stata donata al NCC in modo che sia possibile avviare un progetto per la salvaguardia della “Tartaruga carta geografica comune” (“Graptemys geographica“) autoctona della regione del Quebec.

Questa piccola isola, situata a Senneville in un lago montano, è un habitat importante per la salvaguardia di queste tartarughe. La “Graptemys geographica” infatti, è considerata una specie a rischio sia dalla legislazione del Quebec, sia dall’atto federale delle specie a rischio. L’isola è ideale per questa specie poiché consente di proteggerle dalle onde, dalle persone e dai predatori.

Il vecchio proprietario, Norman Hébert, voleva costruirvi la sua casa dei sogni, ma non vi riuscì prima della sua morte avvenuta nel 2015. Così martedì scorso la sua famiglia ha donato l’isola all’NCC con una cerimonia tenutasi presso l’Ecomuseum Zoo nello Ste-Anne-de-Bellevue.

Il governo federale ha inoltre annunciato l’avvio del progetto Ile Reid, un’isola sul fiume Ottawa, la quale è altrettanto importante per la conservazione della “Graptemys geographica“.

L’NCC ha anche attivato il sito web carapace.ca su cui, chiunque avvisti queste tartarughe nei propri quartieri, può fare segnalazione agli scienziati che possono così tracciare i punti focali della distribuzione delle tartarughe nella provincia.