Home » Allevamento Tartarughe, Schede, Schede Tartarughe, Tartarughe d'acqua

Pelodiscus sinensis: Scheda Riassuntiva

Inserito da il 24 luglio 2016 – 16:27   
Pelodiscus sinensis: Scheda Riassuntiva

In questa pagina troverete la scheda d’allevamento riassuntiva che riguarda le tartarughe appartenenti alla specie Pelodiscus sinensis. La scheda indica sommariamente le informazioni sull’alimentazione, la riproduzione, le caratteristiche fisiche e comportamentali ed altri aspetti per allevare al meglio questa specie.

 

Specie: Pelodiscus sinensis

Sottospecienon è presente alcuna sottospecie

Stati di provenienza: dal sud-est della Cina al nord delle regione Manciuria, nel nord del Vietnam, in Corea e sui gruppi di isole del Taiwan e del Giappone

Luoghi di originedai grossi corsi d’acqua ai piccoli canali. Predilige comunque acque basse con fondo sabbioso e con vegetazione galleggiante

Lunghezza massima: escludendo il lungo collo, 18/20 cm i maschi e dai 20 ai 25 cm le femmine

Colorazione carapacedal bianco sporco al beige chiaro oppure, soprattutto nelle baby, grigio scuro. Presenza di piccole macchie a forma di fiore di colore grigio scuro o nere. Inoltre, in esemplari con colorazione chiara è possibile notare la struttura ossea presente sotto il carapace

Colorazione piastronedal bianco al rosa chiaro, mentre nelle baby può presentarsi anche arancio. Nella parte inferiore, con l’avanzare dell’età, son visibili grosse macchie rosa scuro

Colorazione testa ed arti: nella parte superiore leggermente più chiara del carapace, mentre nella parte inferiore molto chiara e simile a quella del piastrone. Intorno all’occhio sono presenti delle leggere striature radiali, mentre tutto intorno alla bocca son presenti macchie bianche tondeggianti. Le zampe sono palmate mentre il naso è leggermente allungato

Riconoscimento sesso: il maschio ha coda lunga a punta e grossa alla base che fuoriesce dal bordo del carapace, mentre la femmina coda corta con cloaca posizionata molto più vicino al piastrone

Maturità sessuale: viene raggiunta molto presto, infatti il maschio può diventare riproduttivo già a due anni mentre la femmina intorno ai quattro anni

Allevamento in cattività in casa: ampio acquario con altezza dell’acqua tale da permettere alla tartaruga di respirare stando sul fondo allungando solo il collo. L’acqua deve essere ben filtrata poichè questa specie, essendo a guscio molle, è soggetta a micosi. Infatti si consiglia anche di aggiungere 5 grammi di sale per ogni litro d’acqua. La zona emersa non è fondamentale in quanto sarebbe utilizzata solo raramente, ma sono comunque consigliati appigli/tronchi che le permettano di stare a pelo d’acqua. Facoltativamente si può aggiungere un neon uvb 5%. La temperatura dell’acqua deve essere compresa tra i 20°C ed i 25°C. Si consiglia infine, sabbia finissima (0,3-0,5 mm) sul fondo poichè ama insabbiarsi sia quando si sente in pericolo, sia quando sente caldo, sia per il letargo e sia per cacciare. Evitare sabbia non fine (es. ghiaietto) poichè potrebbe provocare abrasioni

Allevamento in cattività in laghetto: possibile tutto l’anno se si almeno una parte con una profondità minima dell’acqua di 80cm più uno strato di sabbia finissima sul fondo per ulteriori 20/30cm, ciò per garantire un corretto letargo durante l’inverno. E’ necessario mettere numerosi tronchi e/o appigli che fuoriescono dall’acqua per facilitare la risalita e molta vegetazione. Evitare pareti rigide, modellando i bordi a mo’ di gradoni

Alimentazioneè una specie prevalentemente carnivora e quindi sarà difficile fornire vegetali, ma è importante farlo di tanto in tanto. L’alimentazione non cambia a seconda dell’età, quindi bisogna fornire principalmente pesce di fiume, grilli e invertebrati (lombrichi, molluschi, crostacei e lumache). Raramente è possibile fornire tarme della farina, camole del miele e carni bianche. Vanno alimentate una volta al giorno, preferibilmente la mattina; da baby 5 volte a settimana e man mano che crescono bisogna aumentare i giorni di digiuno fino ad arrivare ad alimentarle da adulte due volte a settimana!

Letargo: lo effettuano a temp comprese tra i 5°C e i 10°C. In casa è impossibile, quindi nel periodo autunnale/invernale necessitano di riscaldatore impostato sui 23/24°C, senza di esso farebbero un semi-letargo dannosissimo. All’esterno bisogna avere un laghetto come descritto su, ma si consiglia comunque di evitare letargo esterno fino ai due anni. Possono fare letargo anche in luoghi chiusi, a patto che si garantisca il rispetto delle temp. sopra-indicate per un corretto letargo

Legislazione: libera vendita in Italia

Galleria foto

 

La foto articolo è di Fabio Maione ©

 

 

 

© Copyright – Tartapedia
RIPRODUZIONE CONSENTITA SOLO IN PARTE E SOLO SE ACCOMPAGNATA DA LINK ALLA FONTE
NON E’ CONSENTITA ALTERAZIONE DEL TESTO ORIGINALE