Home » Allevamento Tartarughe, Schede, Schede Tartarughe, Tartarughe d'acqua

Emys orbicularis: Scheda Riassuntiva

Inserito da il 7 novembre 2016 – 20:45   
Emys orbicularis: Scheda Riassuntiva

In questa pagina troverete la scheda d’allevamento riassuntiva che riguarda le tartarughe appartenenti alla specie Emys orbicularis. La scheda indica sommariamente le informazioni sull’alimentazione, la riproduzione, le caratteristiche fisiche e comportamentali ed altri aspetti per allevare al meglio questa specie.

 

SpecieEmys orbicularis

Sottospecieufficialmente sono otto: eiselti, fritzjnergenobsti, galloitalica, hellenica, ingauna, occidentalis, orbicularis e persica. In passato sono state differenziate in più sottospecie, come per esempio la E. o. capolongoi (presente solo in Sardegna) oppure la E. o. lanzai (presente solo in Corsica) e c’è ancora oggi chi preferisce usare le vecchie classificazioni

Stati di provenienzaEuropa continentale (Italia, Austria, Belgio, Bielorussia, Francia, Georgia, Germania, Lettonia, Lichtsteiner, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Portogallo, R. Ceca, Romania, Slovacchia, Spagna, Svizzera, Ucraina ed Ungheria), penisola balcanica (Albania, Bosnia E., Bulgaria, Croazia, Kosovo, Macedonio, Montenegro, Serbia e Slovenia), coste del Mar Caspio (Azerbaijan, Iran, Kazakistan, Turkmenistan e Russia) Siria, Turchia e coste mediterranea del Nord Africa (Algeria, Marocco e Tunisia)

Luoghi di originein tutti i tipi di corsi d’acqua (fiumi, canali, ecc), nei laghi ma anche in bacini artificiali ed in acque salmastre delle zone costiere (alle foci dei fiumi). Predilige comunque acque calme con un lento flusso, con fondale fangoso e ricche di vegetazione acquatica

Lunghezza massima: 14/18 cm i maschi e 20/23 cm le femmine, a seconda della sottospecie. Nel Nord Africa e negli stati del Nord Europa ci sono popolazioni di Emys orbicularis che superano i 25 centimetri di lunghezza

Colorazione carapacegeneralmente è molto scuro, con una colorazione che può variare dal marrone al verde scuro e dal grigio scuro al nero. Inoltre presenta su di esso delle striature giallognole o verdastre a volte molto corte, come grossi puntini

Colorazione piastronedal giallo sabbia al giallo ambra con venature scure, più o meno doppie. Da baby invece, il piastrone è molto scuro nella parte centrale e la colorazione gialla è presente solo ai bordi. Raramente da adulte mantengono il piastrone come le baby

Colorazione testa ed artidal grigio al verde scuro con presenza di puntini, striature e chiazze gialle

Riconoscimento sessoè possibile dopo i 4/5 anni di vita. La differenza più evidente è nella colorazione della testa; infatti, nelle femmine è ricoperta di puntini e chiazze gialle con la mascella completamente gialla, mentre nei maschi la testa è scura con pochi o nessun segno giallo e la mascella è nera. Inoltre, in primavera, l’iride del maschio può cambiare colore diventando arancio, rossa o addirittura bianca; ciò non avviene nelle femmine in cui resta sempre gialla. Per quanto riguarda la coda poi, a differenza di altre specie della famiglia delle “Emydidae”, la lunghezza non varia a seconda del sesso. L’unica differenza è alla base che nei maschi risulta più grossa e con apertura cloacale più arretrata. Infine i maschi hanno dimensioni leggermente più piccole, unghie anteriori ricurve e piastrone concavo

Maturità sessualein cattività viene raggiunta dopo i sei anni d’età, mentre in natura può arrivare anche molto più tardi

Allevamento in cattività in casa: è sconsigliato. E’ però possibile tenere in casa esemplari baby in acqua non molto alta, ben filtrata e con molti appigli. La temperatura dell’acqua deve essere compresa tra i 21°C ed i 25°C. Un neon uvb 5% ed una lampada spot da almeno 40W (in modo che ci siano 30/31°C sulla zona irradiata) vanno puntati sulla zona emersa che deve risultare molto ampia. Sul fondo è possibile inserire sabbia finissima 0,3-0,5mm

Allevamento in cattività in laghetto: possibile tutto l’anno se si ha almeno una parte con una profondità minima dell’acqua di 80cm più uno strato di sabbia finissima sul fondo per ulteriori 20/30cm, ciò per evitare che muoiano durante l’inverno. E’ necessario mettere numerosi tronchi e/o appigli che fuoriescono dall’acqua per facilitare la risalita e molta vegetazione (sia galleggiante che non); inoltre è importante creare ripari sulla parte emersa in modo da garantire alle tartarughe un luogo fresco dove rifugiarsi nelle ore più calde della giornata. Infine, essendo particolarmente abili a scalare superfici verticali, è consigliato recintare il laghetto con uno steccato interrato ed alto almeno 20cm

Alimentazioneè una specie prevalentemente carnivora quindi, rispettando l’alimentazione naturale, bisognerà fornire: insetti, anellidi, lumache, crostacei, molluschi ed anche piante acquatiche. In natura poi, mangiano occasionalmente piccoli anfibi, carcasse di pesci e ofidi morti. Da baby è consigliabile fornire piccoli insetti e larve

Letargolo effettuano sia a pelo d’acqua che all’asciutto, a temp comprese tra i 4°C e i 10°C. In casa è impossibile, quindi nel periodo autunnale/invernale necessitano di riscaldatore impostato sui 24/25°C, poichè senza di esso farebbero un semi-letargo dannosissimo. All’esterno bisogna avere un laghetto come descritto su. Possono fare letargo anche in luoghi chiusi, a patto che garantiscano il rispetto delle temp sopra-indicate per un corretto letargo. È importante farlo fare già da baby in modo da evitare una crescita innaturale troppo veloce, ma allo stesso tempo si consiglia il letargo controllato per esemplari piccoli. Infatti in natura avviene una sorta di selezione naturale, in cui qualche baby muore annegato non essendo abili nel nuoto

Legislazione: essendo inserita nell’Appendice II della Convenzione di Berna, n’è vietata la cattura e la detenzione ma, grazie a normative nazionali e regionali, è possibile detenere, riprodurre e cedere esemplari nati in cattività da genitori regolarmente denunciati. Purtroppo però, non essendo facile reperire le varie delibere regionali, si consiglia di chiedere delucidazioni tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) all’ufficio del Corpo Forestale più vicino, prima di eventuali acquisti

Galleria foto

 

La foto articolo è di Vide Ohlin ©

 

 

 

© Copyright – Tartapedia
RIPRODUZIONE CONSENTITA SOLO IN PARTE E SOLO SE ACCOMPAGNATA DA LINK ALLA FONTE
NON E’ CONSENTITA ALTERAZIONE DEL TESTO ORIGINALE