19 maggio 2020 - novenoved

Sei tartarughe ritornano in mare: cinque nell’Adriatico

Negli ultimi tre giorni, sei esemplari di Caretta caretta sono stati rilasciati in mare dopo aver trascorso gli ultimi mesi pressi i centri di recupero di Pescara, di Molfetta (BA) e di Policoro (MT).

Quattro di queste sei tartarughe erano state accidentalmente catturate da pescatori della marineria di Pescara e, prima di essere liberate nella mattinata di sabato 16 maggio, sono state curate presso il Centro Recupero Tartarughe Marine “Luigi Cagnolaro“.

Domenica invece, al largo del porto di Bisceglie (BT), a tornare libera di nuotare in mare è stata Echeclo, una grossa femmina rinvenuta ad aprile nei pressi del golfo di Manfredonia (FG) in principio di annegamento. La tartaruga, già nota per un precedente salvataggio nel marzo 2019, è stata in degenza per un mese presso il CRTM WWF di Molfetta (BA).

L’ultimo rilascio in ordine di tempo è stato quello di una Caretta caretta recuperata a fine gennaio in pessime condizioni, a causa di una asfissia. L’esemplare, grazie alle cure ricevute presso il CRTM WWF di Policoro (MT), è stato rilasciato ieri mattina in diretta Facebook e, attraverso il tag satellitare “installato” sul suo carapace sarà monitorato fino a quando questo non si staccherà da solo.