14 agosto 2020 - novenoved

Anche il litorale casertano tra quelli scelti dalle tartarughe marine

Nella notte di San Lorenzo, famosa per il tradizionale appuntamento con le stelle cadenti, sulla spiaggia antistante il lido “San Pietro Beach” sito in località Baia Verde a Castel Volturno (CE), all’improvviso sono sbucate diverse tartarughine che si dirigevano in ogni dove.

Purtroppo l’ignoranza, quindi la mancanza d’informazione sull’argomento, ha fatto si che non venissero avvisate le autorità competenti ma anzi, i presenti hanno ben pensato di filmare le povere Caretta caretta con tanto di flash puntato addosso e soprattutto le hanno prelevate dall’arenile per farle toccare ai propri figli, postando poi il tutto sui social a mo’ di vanto per aver trovato queste piccole creature.

Proprio attraverso la condivisione di tali contenuti è stato possibile risalire al luogo dell’accaduto, riuscendo a creare così un presidio di sorveglianza che ha portato al ritrovamento di altre tracce lasciate sulla sabbia dagli hatchlings nati la notte successiva.

Poco dopo la mezzanotte di ieri poi, è stata segnalata la presenza di una grossa tartaruga marina a circa 20 chilometri più a nord. Sul posto sono giunti i biologi del CRTM “Anton Dohrn” di Portici (NA), i quali hanno prima messo in sicurezza l’area e poi hanno traslocato in una zona più alta del litorale le 70 uova deposte sulla spiaggia del “Lido Sporting” di Baia Domizia, frazione balneare di Sessa Aurunca (CE).